Carta di credito senza conto corrente: come sceglierla

Appoggiare una carta di credito su un conto corrente permette alle banche di avere maggiori garanzie sul recupero delle somme anticipate per conto del cliente. Infatti in genere per ottenere la carta di pagamento richiede di avere una certa giacenza sul conto oppure l'accredito dello stipendio. Per avere delle carte con varie funzioni senza possedere il conto è possibile se si utilizzano carte revolving o ricaricabili. Devi prendere in considerazione queste due tipologie se vuoi ottenere una carta di credito senza conto corrente.

Se vuoi un excursus completo puoi vedere questa guida che spiega più approfonditamente le varie tipologie di carte di credito senza conto corrente, se invece vuoi una risorsa rapida che ti permetta di districarti nel mondo delle carte di credito, continua a leggere.

La carta revolving

Se vuoi un prodotti con una gamma abbastanza ampia di funzioni puoi usufruire della carta revolving (es. Carta Pass Carrefour). La propongono istituti di credito e finanziarie senza bisogno di avere l'appoggio del conto corrente. Per rimborsare il denaro anticipato dalla banca emittente puoi pagare tramite appositi bollettini postali. Puoi anche stamparli direttamente da un sito dedicato a cui accedere con le tue credenziali ottenute dalla registrazione. Ogni volta che arriva la scadenza provvedi a corrispondere l'importo dovuto. Si basa sulle tue spese. Il metodo è semplice, ma puoi riscontrare un limite: la disponibilità diminuisce man mano che spendi e si riacquista quando rimborsi l'istituto di credito. Ad esempio se hai a disposizione 1.000 euro e ne spendi 200, avrai a disposizione 800 euro, ma quando pagherai il bollettino di 200 euro tornerai ad avere il plafond di 1.000 euro. Tra le diverse carte presenti sul mercato trovi alcune eccezione che ti consentono di pagare gli acquisti effettuati il 15 del mese successivo. La modalità più diffusa per restituire le somme spese alla banca è sempre il bollettino postale.

Le carte ricaricabili e le carte conto

Se cerchi una carta di credito senza conto corrente puoi prendere in considerazione le carte che ti forniscono il conto corrente. Ti permettono di avere più funzioni. Si tratta di ricaricabili con un'ampia gamma si servizi, proprio perché sostituiscono il conto corrente. Tutti i tipi di carte ricaricabili seguono la stessa procedura: la disponibilità di denaro da spendere dipende dai tuoi versamenti anticipati. Prima versi e poi spendi. Si tratta di un processo opposto a quello che utilizzi comunemente con le carte di credito. Se scegli una ricaricabile carta conto puoi ricevere o fare bonifici, pagare le utenze e le tasse. Ci sono addirittura carte pensate per i minorenni, a patto che abbiano compiuto 11 anni di età.

Esempi di carte di credito ricaricabili

Ci sono molti prodotti che rientrano nella categoria e sono in grado di rispondere alla necessità di avere carte di credito senza conto corrente. La più nota è Paypal. Ti consente di ricaricare fino a 10 mila euro e funziona attraverso il circuito Mastercard, la spesa per ogni versamento è di 90 centesimi a meno che tu non possieda un conto Paypal, in quel caso il passaggio di denaro non ha costi.
Agisce invece sul circuito Visa la Carta Eura, emessa da CartaSì. Si devono pagare 5 euro per farla emettere e dura per cinque anni. A seconda della banca aderente si può avere una personalizzazione ed è facile da ricaricare, anche nelle agenzie SisalPay.
Per avere una carta conto, quindi con un conto corrente riferito alla carta e utile per gestire bonifici, pagamenti e ricariche senza altri oneri, puoi rivolgerti a Unicredit. Propone la carta di credito ricaricabile Genius. Se hai meno di 26 anni è gratis.
Una formula simile l'ha adottata CheBanca con Conto Tascabile, con la sua ricaricabile puoi avere abbinato un conto corrente. Ti serve per gestire le funzioni più importanti senza avere gli oneri che comporta il tradizionale conto in banca.

Le carte di credito senza busta paga

Non esistono regole che impongano la presentazione della busta paga per ottenere una carta di credito. Non vi sono neppure obblighi di legge che richiedano un reddito per avere una carta. La banca tuttavia ha bisogno di garanzie e quindi difficilmente viene rilasciata una linea di credito senza che il cliente dimostri di avere la capacità finanziaria di rimborsare l'istituto di credito per i pagamenti effettuati con la carta. Banche e finanziarie desiderano conoscere i redditi specialmente se devono concedere plafond elevati o un aumento di credito sulla carta. Non devi per forza mostrare la busta paga, va bene un qualsiasi tipo di documento atto a chiarire la tua disponibilità economica, può essere una rendita o semplicemente una somma discreta che ti permetta di affrontare le spese con la carta di credito.

I protestati e il credito

Se hai avuto in passato dei problemi nel rimborsare le rate di un finanziamento o sei stato protestato avrai a disposizione meno opportunità di avere carte di credito senza conto corrente oppure con conto corrente. Infatti in questo caso l'istituto di credito non si fida e non concede alcun tipo di linea di credito. Ciò non significa che tu non possa avere una carta, solamente avrai un campo più limitato. Devi richiedere delle ricaricabili prepagate. Il problema di questo tipo di carte, però, è la limitazione nelle azioni. In alcune situazioni specifiche non puoi utilizzarle, come ad esempio per il noleggio delle automobili. Non ti disperare, una soluzione c'è. Alcune prepagate hanno caratteristiche simili alle tradizionali carte di credito e non ti serve comunque il conto corrente. Hanno nome e numeri in rilievo e ciò le rende utilizzabili in qualsiasi occasione. L'esempio migliore è Viabuy.

Cos'è Viabuy

É una delle carte di credito prepagate con conto corrente abbinato per permetterti di fare diverse operazioni. Con la sottoscrizione del contratto viene assegnato un codice iban che permette di operare sia con la carta che con un'area riservata online. Puoi ricevere ed effettuare bonifici, pagare le tasse e addebitare pagamenti periodici come le bollette. In più non hai limiti di utilizzo. La richiesta la fai via web e la ricevi velocemente a casa o dove desideri. Hai la possibilità di scegliere tra due modelli, nero o oro. Funziona sul circuito Mastercard e non ti viene richiesto alcun tipo di documento relativo alla tua situazione finanziaria perché non ti viene concesso del credito, ma avrai a disposizione le somme caricate. Come tutte le carte prepagate può essere chiesta da protestati e cattivi pagatori. La usi in Italia e all'estero. Un'altra differenza rispetto alle altre carte di credito senza conto corrente riguarda il canone. Solitamente questo tipo di metodi di pagamento hanno un costo pari a zero o molto limitato, mentre Viabuy richiede un versamento di 89,70 euro all'atto dell'attivazione e poi è gratuita per tre anni. Successivamente dovrai corrispondere un canone annuale di 29,90 euro. Puoi avere una carta aggiuntiva pagando la metà. Non hai costi particolari per la ricarica usando bonifici in entrata, ma se prelevi presso uno sportello ATM paghi 5 euro di commissione. Visto il tipo di prodotto corrispondente alle carte di credito senza conto corrente ma senza limiti per le operazioni, si attesta come una buona soluzione. Il plafond massimo può arrivare a 50 mila euro, ma dovrai sbloccare i livelli di ricarica semplicemente con maggiori conferme sulla tua identità.

Il conto corrente

Se scegli di avere una carta di credito prepagata non devi aprire un conto corrente, ma in alcuni casi puoi ottenerne uno collegato senza spese. Non paghi l'imposta di bollo normalmente dovuta quando sei titolare di un conto corrente e hai la possibilità di accreditare lo stipendio, ricevere denaro tramite bonifico e a tua volta di effettuare i pagamenti, utilizzando anche i Rid, ovvero quelli ricorrenti come gli abbonamenti e le utenze. Hai un codice iban e credenziali per accedere a un'area riservata sui siti degli istituti di credito emittenti. Puoi gestire le ricariche e il credito residuo, verificando gli addebiti per l'utilizzo della carta. Se vuoi approfondire il settore delle carte di credito puoi leggere le informazioni approfondite nella pagina specifica su Wikipedia.
La tua partecipazione a programma fedeltà come quelli di centri commerciali, compagnie di trasporti e alberghi possono essere un'altra soluzione. Puoi avere carte di credito senza conto corrente associate con cui paghi ricaricando il credito da usare e accumuli punti da spendere nei diversi modi previsti.